Donaci il 5 per 1000

Donaci il 5 per 1000

1. La finanziaria 2006 consente al contribuente persona fisica di destinare una quota dell''IRPEF pari al cinque per mille alternativamente, in base alla propria scelta, ad una sola delle seguenti finalità: a) sostegno delle organizzazioni di volontariato, delle ONLUS, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori ONLUS; b) finanziamento della ricerca scientifica e dell''università; c) finanziamento della ricerca sanitaria; d) attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente.

2. Questa scelta può essere fatta dina dalla prossima dichiarazione dei redditi maturati nell''anno 2005 e precisamente mediante una delle seguenti modalità: a) modello CUD (per chi è esonerato dalla presentazione della dichiarazione: p.es. chi possiede soltanto redditi di lavoro o pensione e prima casa) compilando l''apposita scheda e consegnandola in busta chiusa in posta o in banca; b) modello 730 (per chi possiede redditi dichiarabili ma senza partita IVA) compilando la scheda (mod 730-1bis) da consegnare al CAF di fiducia; c) modello UNICO PF (in ogni altro caso) compilando (direttamente o tramite un commercialista) l''apposito quadro del Mod. Unico (simile al Mod. 730) per la destinazione del cinque per mille dell''IRPEF.3. in ciascuna delle modalità sopra descritte il contribuente esprimerà la propria scelta come segue: a. apponendo la propria firma nell''apposito riquadro corrispondente ad una soltanto delle quattro finalità destinatarie della quota del cinque per mille dell''IRPEF; b. indicando il codice fiscale dello specifico soggetto cui si intende destinare direttamente la quota del cinque per mille dell''IRPEF.4. esprimendo la scelta del cinque per mille NON si esclude la possibilità di esprimere anche la scelta dell''otto per mille (p.es. per la Chiesa Cattolica), né si pregiudica la possibilità di effettuare erogazioni liberali ad ONLUS o altre simili, deducibili dal reddito.5. L''esercizio di questa scelta NON comporta maggiori oneri di imposta o altro, ma consente semplicemente di DESTINARE una QUOTA dell''IRPEF al soggetto prescelto.6. L''apposizione della propria firma (con o senza il codice fiscale) su uno dei quattro riquadri previsti (p.es. per volontariato e ONLUS) esclude la possibilità di firmare in uno o più degli altri tre e viceversa.7. Dal 16 marzo in poi è già possibile rivolgersi al CAF di fiducia (anche tramite la propria azienda o ente previdenziale) per esprimere la scelta del cinque per mille sul Mod. 730.8. A partire dal 2 maggio e normalmente sino al 20 giugno (con estensione pratica fino al 30 luglio) è possibile rivolgersi al proprio commercialista (o effettuare direttamente) la scelta del cinque per mille sul Mod. UNICO PF.9. APPONI LA TUA FIRMA NEL RIQUADRO DESTINATO AL VOLONTARIATO (in alto a sinistra della scheda) e INDICA IL CODICE FISCALE.

Torna ai contenuti Torna al menu